Siamo Nati Lontano - Ep

by La Fine Del Mondo

/
  • Immediate download of 4-track album in the high-quality format of your choice (MP3, FLAC, and more), plus unlimited streaming via the free Bandcamp app.

     €3 EUR

     

1.
(free) 04:32
2.
3.
4.

about

LA FINE DEL MONDO non è una profezia ma un evento già accaduto. Non un'attesa mediatica ad alimentare l'amore necrofilo delle masse, bensì semplice constatazione senza rimpianto. Una vertigine di rock, musica d'autore, chanson, adunate sediziose, pop umbratile e avant-spettacolo.

"SIAMO NATI LONTANO" è l'Ep di esordio del progetto in uscita per Salmonerec/AssCultPress, registrato all'Orange Studio di Ponte Buggianese (PT) da Zven il giorno 8 ottobre 2011.
Gioele Valenti (Herself) ha post-prodotto e suonato synth,piano, trombe, chitarra, vibrafono, cello, samples. A lui vanno i nostri ringraziamenti.
Luciano Fiorello ha suonato la tromba in "Illuminazione Nr.1".

Artwork: Margherita Perugi

Simone Molinaroli - testi, voce recitante
Alessio Chiappelli - chitarre
Matteo Parlanti - batteria
Simone Naviragni - basso
Valentina Innocenti - danzatrice

info: www.lfdm.org

credits

released 21 March 2012

tags

license

all rights reserved

feeds

feeds for this album, this artist
Track Name: Forse un giorno
Un giorno finiremo per non esserci mai conosciuti
e depistare il pensiero che ci ricorda alleati
nell'impresa temibile che chiamano amore.
Ci aiuteranno quei solchi scavati dai giorni
sulla gioventù che adoravamo
sullo splendore violento della nostra eversione.
Le ombre ci persuaderanno a chiederci
in quale giorno c'eravamo trovati,
in quale giorno abbandonati,
se mai una musica, quale.
E i fonogrammi da un tempo insidioso
nulla spiegheranno,
come le strette di mano e i saluti compilati
con entusiasmo commercialista.
Un giorno forse, riusciremo a non esser stati mai
abbagliati, nudi, stupiti,
storditi da un presente imprecisato
che non cercava ragioni.
Un giorno forse, come i sassi
non sapremo più le parole
ed estranea per noi sarà la verità.
Quel giorno forse, riusciremo a non essere stati mai.

Fissammo l'orizzonte
fingendo una sorpresa adolescente.
Mano nella mano ci parlammo
lingue complesse e un canto siderale.
Per sempre lontani dal timore
di una vita irrealizzata,
le fatiche, le vanità, la presunzione,
tutta la materia del Mondano,
risultarono evidenza innocua
per chi senza sbagliare
la bellezza, con la promessa di una vita migliore
risoluto aspettava l'estinzione.


Simone Molinaroli - LFDM
Tutti i diritti riservati © 2012
Track Name: Illuminazione Nr.1
Se sei bravo
se sei bravo
e impedisci ai tuoi neuroni
la trasmissione delle sordide cazzate
che dichiararono guerra alla quiete
che adesso potrebbe illuminarti.
Se sei bravo
se sei bravo
e cancelli dal tuo corpo le ossessioni
in fondo alla bottiglia di vodka
potrai vedere il silenzio che ti ha preceduto
e indovinare il vuoto che ti seguirà.


Simone Molinaroli - LFDM
Tutti i diritti riservati © 2012
Track Name: Siamo nati lontano
Tutti siamo morti in certi giorni
che sembravano piste d'atterraggio
licenziando misteri già svelati
e salutando con l'ala braccio infortunata
il terrore ascendente sul volto
che osserva il carrello bloccato, il touch & go
fino ad esaurimento carburante
e lo schianto finale.
Siamo morti tutti, come negarlo,
in quelle ore che sono luoghi non mappati
di cui gli orologi non portano Il Segno.
Siamo morti tutti, come negarlo.
E come negare lo spietato dominio
dell'ambizione alla rovina,
come negare
di ciò che "non può essere detto".
Ma è durato poco.
Siamo rinati tutti.
Come in un prodigio inspiegato
che i mai-morti con invidia
chiamano fortuna.


Simone Molinaroli - LFDM
Tutti i diritti riservati © 2012
Track Name: Tutti siamo morti
Tutti siamo morti in certi giorni
che sembravano piste d'atterraggio
licenziando misteri già svelati
e salutando con l'ala braccio infortunata
il terrore ascendente sul volto
che osserva il carrello bloccato, il touch & go
fino ad esaurimento carburante
e lo schianto finale.
Siamo morti tutti, come negarlo,
in quelle ore che sono luoghi non mappati
di cui gli orologi non portano Il Segno.
Siamo morti tutti, come negarlo.
E come negare lo spietato dominio
dell'ambizione alla rovina,
come negare
di ciò che "non può essere detto".
Ma è durato poco.
Siamo rinati tutti.
Come in un prodigio inspiegato
che i mai-morti con invidia
chiamano fortuna.


Simone Molinaroli - LFDM
Tutti i diritti riservati © 2012